fu interrotta nuovamente dopo la realizzazione del terzo piano per una nuova inclinazione del terreno. I lavori furono ripresi solo dopo un secolo da Giovanni Di Simone che cercò di correggere l'inclinazione della torre, seguendo una linea curvilinea a rientrare e alleggerendo il lato che affondava nel terreno. Morì nella battaglia della Meloria senza aver terminato l'opera, che fu completata nel 1350.

Il Battistero

Iniziato nel 1353, in stile romanico pisano nella fascia inferiore, gotici invece i frontoni triangolari e i pinnacoli sovrastanti le arcate del registro superiore, l'edificio è sormontato da una singolare cupola che termina a forma di piramide tronca. Da vedere all'interno il bel Fonte battesimale ottagonale, eseguito nel 1246 dal comasco Guido Bigarelli e lo splendido Pergamo di Nicola Pisano del 1260. Più semplice di quello costruito dal figlio Giovanni nel Duomo, poggia su semplici colonne ed ha un parapetto ornato da 5 pannelli scolpiti che rievocano la vita di Cristo. L'artista si ispirò sicuramente ai sarcofagi romani conservati nel vicino camposanto.

Camposanto

I lavori intrapresi nel 1267 da Giovanni di Simone, uno degli architetti del Campanile, furono interrotti a causa della battaglia della Meloria e terminati solo nel 1400. E' un vasto

<< indietro